Carandini e Moni Ovadia: al via Teatri antichi nostri contemporanei

Ostia Antica, il teatro

A Ostia Antica, sul palcoscenico un grande archeologo e affabulatore, Andrea Carandini, e due grandi attori, Anna Bonaiuto e Massimo De Francovich, trasformeranno la leggenda della nascita di Roma in un vero e proprio story telling, in occasione dei 2000 anni dalla morte di Tito Livio. Uno spettacolo capace di emozionare e coinvolgere il pubblico di appassionati e non in una cornice suggestiva. Tra storia e mito uno degli atti fondativi della civiltà occidentale, come succede solo quando vede la luce non un semplice insediamento di capanne non lontano dalle rive del Tevere, ma una urbe destinata a passare alla storia come “eterna”.

Negli altri teatri sarà la voce di Moni Ovadia (attore, autore, grande narratore e conoscitore delle civiltà e delle storie che dall’antico portano alla modernità) a interpretare un testo suggestivo– con l’aiuto di Luciano Canfora, profondo conoscitore della cultura classica –  sul tema dei miti e degli eroi antichi. Lo spettacolo parte dai testi classici e dalla loro rilettura contemporanea del grande poeta greco Ghiannis Ritsos, uno degli autori maggiori del nostro Novecento, capace di trovare una voce autentica, moderna e umanissima agli dei e agli eroi della sua antica Grecia, mostrandoci il mito e il suo cadere sulla terra.